home biografia viaggi per il mondo racconti di viaggio portfolio attività info  

 
 
Scheda viaggio
Racconti di viaggio
Itinerario
Galleria foto
Articolo rivista
"L'Arte Bianca"
Ritorna a viaggi
BOLIVIA
 
 
La cucina boliviana


La Bolivia, chiamata il Tibet del continente americano, per le sue quote elevate e l'asprezza dei suoi paesaggi, presenta zone geografiche diversissime che spaziano dalle imponenti catene montuose agli altopiani desertici, dalle giungle nebbiose alle immense savane del bacino amazzonico.
Con un grandioso passato testimoniato da vestigia incaiche e da città coloniali, è uno dei paesi sudamericani più legati alle tradizioni, giunte sino ai giorni nostri, sia dalla civiltà inca che dalla successiva colonizzazione spagnola. La stessa popolazione, è costituita da alcune etnie minori e da due gruppi autoctoni principali: gli Amerindi, etnia a cui oltre la metà degli abitanti rivendica la propria appartenenza ed i discendenti degli antichi conquistadores spagnoli, a cui si aggiunge una piccola percentuale costituita dai discendenti degli schiavi africani deportati, nel corso del XVI° secolo, per lavorare nelle miniere di rame di Potosì.
La storia, passata e recente, talvolta violenta e burrascosa che ha contribuito a creare l'immagine di una nazione, covo di rivoluzionari e di signori della droga, oggi alquanto esagerata, si riflette in maniera tangibile sugli usi e sulle tradizioni, in ogni angolo del paese. Risalenti al periodo inca ed alla successiva dominazione spagnola, le antiche tradizioni ancora permeano la vita delle popolazioni indigene. Abitudini e tradizioni che si riflettono anche sulla cucina, che risente delle influenze di estrazione europea. Una cucina che pur utilizzando un numero limitato di alimenti base, risulta essere estremamente versatile, con una predominanza di cibi ricchi di amidi e di carboidrati fra le popolazioni degli altipiani ed un prevalere di pesce, verdure e frutta fra gli abitanti delle pianure.
La carne generalmente accompagnata da riso, patate e lattuga, condita con la llajhua, una salsa piccante a base di pomodoro, costituisce il pasto tipico boliviano. Il pane è sempre presente nella cucina boliviana sin dal desayuno (la prima colazione) costituita da una tazza di caffè e da una pagnottina, a cui fa seguito a metà mattina uno spuntino a base di saltenas, tucumanas, humintas o empanadas; ravioli dalla forma arrotondata, i cui ingredienti base sono farina, uova e burro, sugosi, speziati e farciti con carne e verdure, da consumarsi nelle bancarelle agli angoli delle strade o in panetteria. Mentre le saltenas sono più dolci, le tucumanas sono più piccanti e si presentano con un involucro di pasta più spesso; le empanadas che possono essere fritte o cotte al forno, si distinguono per una copertura di pane. Altri spuntini caratteristici sono il bunuelo, ciambella dolce ed appiccicosa immersa nello sciroppo di zucchero, il canape panino alla manioca e formaggio, la llaucha patena, pane soffice impastato con formaggio ed il tamale, fatto con farina di mais, farcito con carne di manzo, verdure, patate, avvolto in una foglia di granoturco e cotto al forno o grigliato.
 
 
 
 
  indietro  torna ad inizio pagina  Copyright © Mauro Rolando 2006-2019 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved.